Menu

Surge Dogecoin, voci di base, coraggiose minacce legali: Hodler’s Digest, 6-12 luglio

Leave a comment

La Bitcoin si è praticamente trasformata in una stablecoin, la Dogecoin ha conosciuto un’enorme rinascita di popolarità, e Coinbase potrebbe prepararsi a quotarsi in borsa.

Top Stories questa settimana

Da che parte il prezzo Bitcoin? L’attuale periodo „stablecoin“ imita l’inizio del 2017

Il prezzo di Bitcoin non si è mosso di quasi un centimetro nelle ultime sei settimane – a malapena il 2% in entrambe le direzioni rispetto alla sua media. Questo lungo periodo di stagnazione assomiglia a quello dei primi mesi del 2017. BTC è rimasta intorno ai 900 dollari per i primi tre mesi dell’anno, a cui ha fatto seguito una mossa esplosiva del 300% nel secondo trimestre. Naturalmente, Bitcoin Trader sta affrontando livelli di resistenza ostinati prima di superare i 10.500 dollari – e questa settimana, la correlazione di BTC con l’S&P 500 ha raggiunto il massimo storico. Giovedì, una brutta giornata per le azioni ha visto Bitcoin scendere bruscamente sotto i 9.200 dollari. Le metriche chiave mostrano che l’interesse istituzionale per il cripto è alto e in crescita, ma anche alcuni dei più grandi tori Bitcoin del mondo stanno suonando una nota di cautela. Mike Novogratz, che aveva erroneamente previsto che BTC avrebbe raggiunto i 20.000 dollari entro la fine del 2019, ha dichiarato di non raccomandare agli investitori di mettere la maggior parte dei loro fondi nella crittografia. „La mia sensazione è che i Bitcoin superano di gran lunga l’oro, ma direi alla gente di avere molto meno Bitcoin che oro, solo a causa della volatilità“, ha detto martedì alla CNBC.

La Dogecoin guadagna il 20% in mezzo alla sfida di pompaggio di TikTok

Strana, strana, strana notizia questa settimana: La coccinella è tornata dal regno dei morti. La novità della crittografia è balzata del 50% in 24 ore questa settimana grazie a una sfida virale di TikTok che ha incoraggiato i suoi giovani utenti a pompare la moneta. Il video più popolare sotto l’hashtag #DogecoinTiktokChallenge ha raccolto più di 500.000 visualizzazioni – e in esso, l’utente sembra descrivere un classico schema di pompaggio, dicendo: „Diventiamo tutti ricchi! Dogecoin è praticamente inutile. Ci sono 800 milioni di utenti TikTok. Investire solo 25 dollari. Una volta che il titolo raggiunge 1 dollaro, avrai 10.000 dollari [10.000 dollari]. Dillo a tutti quelli che conosci“.

L’azione frenetica ha spinto il proprietario dell’account Twitter di @Dogecoin ad avvertire i suoi seguaci. Mercoledì, l’account ha twittato:

„Fate attenzione alle intenzioni che la gente ha quando vi indirizza a comprare delle cose. Nessuno di loro è sul posto per consigliare finanziariamente. Fate le scelte giuste per voi, non cavalcate l’UFMO di altre persone o manipolate. State al sicuro. Siate furbi“.

Bitfinex ha elencato DOGE in risposta alla domanda – con „come comprare Dogecoin“ superando „come comprare Bitcoin“ su Google Trends. Il prezzo di DOGE si è raffreddato sostanzialmente da quando ha raggiunto i massimi di 0,0054 dollari il mercoledì – scendendo del 32% a 0,0036 dollari. Sembra che sia molto lontano prima di toccare $1.

Coinbase si sta preparando per la quotazione in borsa nel 2020

Coinbase si sta preparando a quotarsi sul mercato azionario statunitense già quest’anno. In caso di successo, sarebbe la prima borsa valori criptata a fare il suo debutto sui mercati tradizionali. Ma gli ostacoli si presentano, e Coinbase avrebbe bisogno prima del via libera della Securities and Exchange Commission. Secondo la Reuters, i piani sono al momento piuttosto fluidi e soggetti a cambiamenti – ma l’azienda è stata in trattative per assumere banche d’investimento e studi legali. Se la SEC dovesse dare il via libera a Coinbase, rappresenterebbe probabilmente una vittoria storica per i sostenitori di crypto che si contendono l’approvazione del mainstream. Coinbase è stata valutata a più di 8 miliardi di dollari durante la sua ultima raccolta fondi privata nel 2018. Si pensa che lo scambio non stia perseguendo una tradizionale offerta pubblica iniziale in cui vengono vendute nuove azioni, ma stia invece esplorando una quotazione diretta in cui gli investitori esistenti non sono vincolati da restrizioni di lock-up.

Storico monetario: „La Bilancia non vedrà mai la luce“

Questa notizia sarà musica per le orecchie di Facebook… no. Lo storico monetario Barry Eichengreen ha dichiarato che „la Bilancia è un’idea interessante che non vedrà mai la luce“. Parlando alla conferenza virtuale di Unitize, il professore dell’Università di Berkeley ha avvertito che il settore degli stablecoin è in gran parte ignorante in materia di economia monetaria – e ha affermato che la Bilancia deve affrontare troppi problemi „insolubili“ e troppe resistenze da parte dei governi. Eichengreen ha detto che il suo lavoro ha portato ad inviti „ad una serie di pranzi in eccellenti ristoranti di San Francisco con i fondatori e finanziatori di potenziali stablecoin“.

Ma ha aggiunto:

„La mia conclusione è stata che i miei compagni di pranzo sapevano tutto di blockchain, ma non sapevano molto di economia monetaria“.

Secondo Eichengreen, molti dirigenti non erano a conoscenza dei passati attacchi speculativi ai tassi di cambio ancorati e stanno lottando per affrontare le „grandi incertezze“ che devono essere risolte per far decollare i progetti.

Il coraggioso forcone del browser fa una mossa „audace“ citando la pressione legale

Un browser a catena di blocco che è stato biforcato dal browser open-source Brave ha cambiato nome dopo aver ricevuto minacce legali. Braver Browser, che è stato lanciato a giugno in seguito alla segnalazione che Brave era auto-riempimento di link di affiliazione, ha ora confermato che sarà conosciuto come il Browser Bold.

In un tweet, il progetto ha detto:

„Stiamo cambiando immediatamente il nome e rimuovendo ogni associazione con ‚il browser che non deve essere nominato'“.

Il coraggioso co-fondatore e CEO Brendan Eich è stato impenitente riguardo alla mossa, avvertendo che non c’è „nessun free riding sui nostri server“ e che la sua azienda difenderà i suoi marchi.